Emozioni forti fra i posti da visitare in Italia? Al Parco dei Mostri di Bomarzo!

Posti da visitare in Italia - Parco dei mostri - Bomarzo - il Mascherone
Parco dei Mostri – Bomarzo: il Mascherone

Booking.com


Posti da visitare in Italia…capaci di cambiarti la vita? Il Parco dei Mostri di Bomarzo, o Sacro Bosco di Bomarzo!

Pensi sia una esagerazione?

Beh, tanto per gradire, dai un’occhiata alla seguente dichiarazione riguardo al più sbalorditivo tra i posti fantastici in Italia:

“A Bomarzo la finzione scenica è travolgente. L’’osservatore non può contemplare perché vi è immerso, in un ingranaggio di sensazioni capace di confondere le idee. Di sopraffare emotivamente. Di coinvolgere in un mondo onirico, assurdo, ludico e edonistico…”

La sconvolgente affermazione è del compianto architetto, critico d’arte e docente universitario Bruno Zevi.

E, non poteva esserci descrizione più calzante per uno dei primi posti da visitare in Italia. Senza dubbio fra le strutture più immaginifiche e surreali che siano mai state realizzate nel Bel Paese.

Posti da visitare in Italia - Parco dei Mostri di Bomarzo - il Borgo
Bomarzo (Viterbo)

Il Parco dei Mostri al top fra i posti da visitare in Italia! Ecco le sue origini…

Il Parco, eccezionale complesso monumentale, è l’emblema dell’Italia delle meraviglie! Specie in riferimento ai più alti profili del turismo emozionale…culturale.

E’ ubicato nel territorio di Bomarzo (Viterbo), suggestivo borgo della Tuscia,  ai piedi di un vero e proprio anfiteatro naturale. Venne progettato dall’architetto napoletano Pirro Ligorio nell’anno di grazia 1550.

A volere simil prodigio delle mete italiane fu il principe Pier Francesco Orsini, detto Vicino, signore di Bomarzo. Egli, uomo di lettere – e d’armi! –  volle dedicarlo alla sua nobile consorte Giulia Farnese.

A seguito della dipartita dell’ultimo Principe Orsini, nel 1585, il parco dei mostri venne progressivamente abbandonato.

Dopo un pluri-secolare oblìo è stato restaurato e, finalmente restituito agli antichi splendori…al novero delle meraviglie italiane.  Artefici del miracoloso recupero, verso la metà del secolo scorso, Giancarlo e Tina Severi Bettini.

Posti da visitare in Italia - Parco dei Mostri di Bomarzo - Verso l'entrata
Verso l’entrata del Sacro Bosco

Che itinerari! Più mete da sogno o tappe da… “incubo”? 😉

Per i patiti delle emozioni forti – ma non solo – il Parco dei Mostri di Bomarzo è traguardo obbligato lungo la direttrice dei posti da visitare nel Lazio.

Il Parco, o giardini di Bomarzo che dir si voglia, è disposto secondo una logica intrisa di tematiche simboliche. Il percorso è disseminato di mostruosità e sorprese da brividi, al punto da  provocare un “terrifico” turbinio di emozioni forti!

L’incredibile itinerario è pure corredato di frasi che ammoniscono lo sbalordito escursore dello stivale Italia sin dall’ingresso. Qui campeggia la prima di due Sfingi  che “chiede”, sibillina:

Tu ch’entri qua  pon mente parte a parte et dimmi poi se  tante meraviglie  sien fatte per inganno  o pur per arte.

La seconda sfinge, invece, mostra l’inno riferito a uno dei posti da sogno…una delle meraviglie della Terra:

“Colui che non si dirigerà verso questo luogo con gli occhi spalancati e le labbra serrate non ammirerà i sette famosi monumenti dell’universo.”

Alla Casa Pendente…in preda a sconvolgenti fenomeni. Un’esclusiva targata “Bomarzo parco dei mostri”!

Proseguendo l’irto cammino attraverso il parco di Bomarzo, ecco una sintetica rassegna degli inverosimili… incontri:

  • Un Gigante scolpito in uno scoglio di peperino che, in atteggiamento di inaudita ferocia spezza in due un corpo femmineo;
  • Un Gruppo scultoreo con alla base una Balena sormontata da una Tartaruga che a sua volta sorregge la statua di una Donna Alata. La rappresentazione richiama il rito della purificazione. Dove quest’ultima è l’apogeo del processo di mutazione che dona l’immortalità.
  • La Casa Pendente che sembrerebbe simboleggiare la felice risoluzione di drammatiche vicissitudini familiari. Il riferimento è alla prigionia del Principe Orsini ad opera dell’esercito imperiale delle Fiandre. Quivi si vive uno dei momenti più sconvolgenti a causa di evidenti capogiri. Probabilmente originati dalla presenza di forti campi  di energia. Comeamplificati dalle correnti sotterranee di acqua.
  • Un eterogeneo fuoco di fila di sinistre figure: un Drago assalito da feroci cani. L’Elefante bellico, il Cavallo alato, il Gigante, lo Stregone, il Nettuno. E l’Orco che, attraverso la bocca, spalancata all’inverosimile, conduce ad un antro. 
  • E ancora…altri impressionanti simulacri: le Pigne e le Ghiande, gli Orsi, le Sirene, il Cerbero. Con ulteriori epigrafi, come la seguente: voi che pel mondo gite errando, vaghi di vedere meraviglie alte e stupende venite qua, dove son faccie orrende, elefanti, leoni, orsi, orchi et draghi”.

Inni a una traiettoria di vita…mostruosamente nuova!

In molti fra scienziati, storici e filologi si sono cimentati nel dare una spiegazione al labirinto dei simboli della strabiliante struttura. Davvero uno dei posti da visitare in Italia… con carattere di priorità!

I pronunciamenti dei più si basano sul fatto che il sito del parco Bomarzo è in una zona di antichissimi insediamenti. Percorrerlo – dicono –  equivale ad immergersi in una marea di essenze dissimulate, di motivi esoterici.

Al punto da indurre nel visitatore sbigottimento e meraviglia. Fino a scuoterlo repentinamente dal suo stato di torpore intellettuale ed emozionale.

Viene in tal modo a emergere una sorta di narrazione di un cammino iniziatico. Cosicchè  il viandante che aneli al perfezionamento dei propri tragitti esistenziali, sarà certo in grado di vincere ogni prova. E mirare, con tenacia e consapevolezza, alle elette armonie dell’ego!

Orbene, caro/a viandante del Bel Paese, amante del turismo slow…emozionale più “folle”, una simile, coinvolgente tappa lungo gli itinerari “forti” è un imperativo ineludibile. A prescindere. Ecco…qui puoi attingere ogni dettaglio utile per la tua avvincente escursione.

Non mancare di arricchire la tua dotazione di viaggio con il nostro esclusivo Soul Accessory… il complemento per l’anima. Nella circostanza potrebbe rivelarsi un gran bel sostegno!

In alto i cuori e felice tour nell’Italia mai vista…così!



Potrebbero interessarti anche...

6 Risposte

  1. Lucia ha detto:

    Posto molto bello ..ci sono stata un bel po’ di anni fa ..guardando il tuo post ci ritornerò…grazie Michele

    • Michele Tolla ha detto:

      Ciao Lucia 🙂 Splendido! Uno degli obbiettivi del Blog è anche quello di innescare benefici… “ritorni di fiamma”! Grazie a te. Buona giornata.

  2. Lucia ha detto:

    Chiedo scusa per l’errore di battitura ..scrivendo posto invece di post ..approfitto per augurarti una buona giornata

    • Michele Tolla ha detto:

      Nessun problema, Lucia. Abbiam provveduto… “d’ufficio” a eliminare la “o” di troppo. Grazie ancora. Buona giornata e…felice San Valentino!

  3. Claudio ha detto:

    Posto spettacolare che a dire il vero ignoravo.
    Questo articolo mi ha davvero molto incuriosito e penso che sarà una delle mie prossime mete.

    • Michele Tolla ha detto:

      Ciao Claudio. Magnifico! Ecco che dal tuo commento emerge il ruolo-guida del Blog: far conoscere l’Italia nascosta, sconosciuta, dimenticata e/o mai degnamente celebrata. Grazie! E buona escursione al Parco dei Mostri di Bomarzo! Ma anche…auguri per uno strabiliante tour nel’Italia Mai Vista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *