Sicilia, Piazza Armerina: l’asticella della meraviglia ad altezze siderali!

Piazza Armerina in Sicilia
Piazza Armerina (EN): Cattedrale



Booking.com


A Piazza Armerina, in Sicilia, provincia di Enna… un viaggio è d’obbligo per chiunque abbia bramosìa di Emozioni con la E maiuscola!

Fra i primi posti da visitare in Italia…è l’imperativo! Qui ti attende la full immersion per antonomasia. Fra racconti dell’Uomo, colori della Natura, brividi dei Paesaggi, sapori della Tavola, saperi della Cultura, echi della Storia.

Piazza Armerina…un’immersione fra mille tesori!

Qui verrai letteralmente strabiliato da:

  • La singolarità di un territorio di grande spessore naturalistico – e paesaggistico – distribuito dai 200 ai 900 metri s.l.m. pure caratterizzato da numerose enclavi;
  • Il Parco della Ronza con le sue lussureggianti foreste;
  • Il sito archeologico di Montagna di Marzo;
  • Il lago di Pergusa, incastonato nella splendida cornice della riserva naturale omonima;
  • L’appartenenza ai cosiddetti “Comuni Lombardi” di Sicilia il cui dialetto origina dalle regioni settentrionali;
  • Il sito d’arte romana “Villa Romana del Casale”, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità;
  • Gli appuntamenti della Tradizione come il Palio dei Normanni, rievocazione popolare di particolare fascino.
  • Gli edifici di culto di eccezionale pregio, come la Cattedrale e la Chiesa di Santo Stefano;
  • Il Centro Storico e le eccentriche testimonianze d’antica arte che le sono valse il titolo di “Piazza Armerina Città dei Mosaici”.
Piazza Armerina - Sicilia - Villa Romana del Casale

Un tuffo fra i misteri della benzina…solida

A Piazza Armerina, ancora  ti stupirai dinanzi a un “mistero” che ha dell’incredibile: l’invenzione della benzina…solida. Autore della scoperta: l’Ingegnere Gaetano Fuardo, a cui la Città dei Mosaici diede i natali l’8 settembre 1878.

 “La mia benzina renderà inutili le petroliere. Il costo di trasporto diminuirà enormemente perché qualsiasi nave potrà caricare la benzina “F” nelle sue stive senza pericoli o danni. I mari non verranno più inquinati. Gli incendi verranno evitati e così gli scoppi e cento altre disgrazie provocate dal petrolio o dalla benzina.”

Così parlò l’inventore piazzese, morto a Roma il 29 ottobre 1962, nell’Ospedale San Camillo. In totale miseria, vittima di poteri occulti e di giganteschi  interessi internazionali.

Piazza Armerina - Sicilia - Ing.Gaetano Fuardo
Ing.Gaetano FUARDO
inventore benzina solida

Prossimamente gli approfondimenti

Con Piazza Armerina l’Italia delle meraviglie targata Italia Mai Vista Tour si arricchisce di una perla d’immenso valore.

In un apposito post prossimo venturo verrà riportato ogni dovizioso dettaglio sulle infinite ricchezze della fantastica località sicula. E magari svelato qualche particolare sul mistero della benzina solida.

Nel frattempo ti esorto a navigare il blog. Incrocerai nuove emozioni e sensazioni. Rimarrai basito da tante novità. Una per tutte:  il Soul Accessory, ovvero l’accessorio per l’anima. Autentico fiore all’occhiello del turismo creativo.

Ti do appuntamento ai prossimi copy. Innanzitutto, come annunciavo poc’anzi, al post che tratterà di ”Vita…Corte e Miracoli” della Città dei Mosaici.

Ti ringrazio per l’attenzione. E per l’eventuale prezioso contributo che vorrai regalarmi sotto forma di commento.

Cospiro per un tuo strabiliante tour nell’Italia Mai Vista!

Possano queste Feste donarti serenità e nuovi sogni da inseguire. Auguri!



Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Rocco ha detto:

    Non si trovano parole per descrivere in ogni suo dettaglio la meraviglia di terra di Sicilia…..Solo vivendoci per anni si potrebbero esternare alcune parole per poter iniziare a descriverla….invito tutti a scoprire questa Terra, da cui fondamentalmente deriviamo tutti noi…..Un abbraccio alla Mia seconda Regione, ed un Abbraccio a tutte le Sicule Genti!!!!!

    • Michele Tolla ha detto:

      Emozionante caro Rocco il tuo “manifesto” d’amore per una Terra sì cara e sacra del meraviglioso Stivale Italico! Grazie davvero. E continua a seguirci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *