Abruzzo turismo. Pescosansonesco: i natali a S.Sulprizio, la prima volta di Italia!

Abruzzo Turismo - Pescosansonesco
PESCOSANSONESCO!


Abruzzo turismo: magico Pescosansonesco! 

Nei prossimi dieci secondi verrai a conoscenza di qualcosa di molto singolare sul nome Italia.

Entro i successivi cinque minuti ti ammanterai di meraviglia. Succede a chiunque va alla scoperta del Borgo-Fortezza in terra d’Abruzzi, in provincia di Pescara.

Tra infinite altre cose conoscerai uno dei suoi figli più illustri: San Nunzio Sulprizio, fresco di canonizzazione. Santo Protettore di invalidi e vittime del lavoro, dispensatore di molti prodigi. Uno dei quali davvero epocale per il suo paese.

Pescosansonesco… In prima fila fra i tanti fantastici luoghi da visitare nell’Italia Mai Vista.

Sei pronto? Si comincia!

La prima volta di… Italia!

Corre l’anno 91 a.c. nel territorio di Pescosansonesco, sul Monte Picca, sono riuniti diversi capi tribù dei popoli della penisola.

Intendono sancire una sorta di santa alleanza. E muovere contro Roma in quel contesto bellico poi passato alla Storia come la “Guerra Sociale”.

Nella solenne circostanza si registra un fatto di portata storica. Per la prima volta viene pronunciato il nome del Bel paese: ITALIA!

L’evento trova conferma grazie ai reperti del sito archeologico “Monte Queglia”, Santuario di epoca romana.

Fra di essi una moneta d’argento. Ora conservata in un caveau della Biblioteca Nazionale di Parigi. Il soldo da un lato reca l’effigie di una donna con la scritta ITALIA. Dall’altro la scena del giuramento dei rivoltosi.

Abruzzo turismo - Pescosansonesco - antica moneta Italia
L’ANTICA MONETA D’ARGENTO: ITALIA!

Un preziosissimo cimelio dell’epopea del Bel paese!

Un evento da celebrare 

Che dici…celebriamo l’evento?

“Ehm, sì. Ma come!?”

Seguimi. 😉  

Senz’altro l’avrai letto nella Pagina Speciale Vision. Al paragrafo “Musica per l’anima…” viene trattato un singolare aspetto. Dedicare a ciascuno dei luoghi da visitare in Italia un pezzo ad hoc.

Naturalmente in armonia con l’anima del luogo stesso. Le connotazioni della Comunità. L’essenza di un fatto eclatante.

Ne converrai. Quanto accaduto sul Monte Picca a proposito di ITALIA presenta un contesto decisamente…Storico!

Diviene un imperativo quindi la dedica, la celebrazione in musica. Pure con sacro rispetto e in punta di… iPhone. Ecco:

LA CANZONE –  C’è un brano il cui caloroso refrain crea intrecci formidabili con lo storico evento inabruzzo. Quale!? Un  magnifico pezzo scritto da Umberto Balsamo e presentato a Sanremo nel 1988 dal grande Mino Reitano il cui titolo è…ITALIA! Non lesinarti brividi di genuino piacere: ascoltalo! Non mancare di impreziosire il tuo carnet di musica: mettilo tra i preferiti 😉

ITALIA!


Pescosansonesco: 10 ragioni per visitarlo, conoscerlo, viverlo!

Pronto a tuffarti fra le infinite ricchezze di Pescosansonesco!? Un borgo che al pari di tutti gli altri posti da visitare nell’Italia Mai Vista, merita la tua attenzione!

Andiamo subito al sodo. Ecco quel che ti attende per placare – o alimentare? 😉 – la tua sete di conoscenza. La tua fame di emozioni positive in questa tappa dell’ italico tour:

  • Storia e Territorio fra miti, miracoli e fatiche.
  • Dentro il Borgo: tour mistico-religioso fra le chiese. Ma… che brividi al Santuario di San Sulprizio.
  • A spasso fra boschi, buchi del diavolo, fontane, cascate e “punti di gravità”. Con tanto di emozioni…bestiali nella traversata sul monte La Queglia.
  • Sagre, feste, eventi a Pescosansonesco: tra sacro e profano il festival del multisensoriale.
  • Clima ed economia nel Pescolano: un connubio super vincente.
  • Personaggi: la straordinaria Storia di S.Sulprizio, Protettore di invalidi e vittime del lavoro.
  • Mangiare e dormire a Pescosansonesco: brindiamo all’eccellenza.
  • Come arrivare? Nulla di più semplice…anche senza navigatore.
  • Fra le curiosità di Pesco un’autentica bomba: a tempo di metal…con The Black.
  • La magia dei Borghi limitrofi fra pregevoli edifici di culto, fiumi “immacolati” e storici guerrieri.

Avanti, dunque! Ma prima…

LA “SFIDA” Mettiti comodo. Gli approfondimenti che seguono non puoi certo lasciarteli sfuggire. Sarebbe come… prendere a calci il televisore durante la visione di una partitissima della nostra Nazionale. Tipo Italia-Francia, finale dei mondiali di calcio 2006. Magari appena dopo aver seguito i preliminari, Inno di Mameli compreso.  Ergo, questa è una “sfida” da godere fino in fondo! 😉  

Orbene, ascolta pure i tuoi più profondi pensieri.  Accarezza i più intimi desideri vacanzieri che…si parte verso il primo dei tanti borghi da visitare in Abruzzo.

Abruzzo turismo - Pescosansonesco Nuovo - Panorama
PESCOSANSONESCO: SCORCIO

Abruzzo turismo – Pescosansonesco: Storia e Territorio fra miti, miracoli e fatiche

Pescosansonesco, dal latino “pensulum” (pietra sporgente) , consta di due nuclei abitati principali. Dislocati nel raggio di appena due chilometri.

Pescosansonesco vecchio, in parte ancora abitato. Venne eretto nel Medioevo su un gigantesco sperone roccioso. Un’ autentica barriera naturale contro i nemici invasori.

Nel 1934, un improvviso movimento franoso colpì gran parte dell’abitato. Nessuna vittima! Gran parte della popolazione si trovava in un luogo salvifico per  vocazione. La Chiesa di San Nicola, posta alla base della sporgenza rocciosa.

Le Autorità per scongiurare ulteriori rischi disposero l’evacuazione del paese. I pescolani ben presto poterono stabilirsi nel nuovo insediamento abitativo: Pescosansonesco Nuovo. Costruito a tempo di record poco distante, più a valle!

Il proverbio

Nella circostanza la Comunità Pescolana incarnò alla grande il senso di uno dei più antichi proverbi abruzzesi…


I dati su popolazione e territorio

Nome borgo in  dialetto pescolanoGliu Pièsc’he 
Nome borgo in dialetto abruzzeseLu Pièsc’hie
Fa parte Parco Naz.Gran Sasso-Monti Laga
Fa parteComunità Montana Vestina
FrazioniColle della Guardia, Decontra, Dogli
Nome degli abitantiPescolani
Numero abitanti al 31.3.2018494
Superficie territoriale18.35 Kmq.
Altitudine s.l.m.540 mt.
CAP:65020
Prefisso telefonico085

L’Istituzione

SindacoNunzio Di Donato (eletto nel 2016)
Sede del ComuneVia Municipio, 14

Sito Web

http://www.comune.pescosansonesco.pe.it/
E-mailinfo@comune.pescosansonesco.pe.it 
PECsindaco@pec.comune.pescosansonesco.pe.it
Tel.085.8889135
Fax085.8889776
Abruzzo turismo - Pescosansonesco - Stemma Civico
Stemma Civico
Abruzzo turismo - Pescosansonesco-Gonfalone
Gonfalone

IL PRIMATO – Escursionando per il territorio di Pescosansonesco rimarrai basito dalla dominanza di boschi e di pascoli. Splendida cartina di tornasole di un primato strabiliante: l’Abruzzo è la regione d’Europa più verde. Ma non solo: il Parco Nazionale Gran Sasso risulta essere il primo Parco concepito al Mondo!


Il Santuario di San Sulprizio

In primis,  tappa d’obbligo è l’imponente Santuario dedicato a San Sulprizio. Situato sul punto più alto del Borgo, ancorato alla roccia, ingloba la fonte miracolosa di Riparossa.

Quì il piccolo Nunzio trovava ristoro. Lavava le ferite causate dalla durissima attività di fabbro ferraio presso la bottega dello zio.

La maestosa costruzione sembra estraniarsi dal contesto orografico.Tuttavia a una più attenta osservazione non sfuggirà la mirabile armonia con il profilo della montagna.

All’interno del Santuario è allocata anche una Pinacoteca di Arte Sacra. E’ dedicata alla vita del beato Nunzio, oggi Santo. E Protettore degli invalidi e vittime del lavoro.

Un’intera ala dell’edificio è riservata esclusivamente agli ex-voto. Sono tante le apparecchiature ortopediche ivi lasciate dai devoti come prova delle miracolose guarigioni.


Gli altri edifici di culto

Abruzzo turismo - Pescosansonesco - Chiesa di Santa Maria in Blesiano
CHIESA DI SANTA MARIA IN BLESIANO

Diverse altre strutture di culto impreziosiscono ed elevano Pescosansonesco:

  • Chiesa di San Nicola, situata alle pendici dello sperone roccioso dove sorgeva il vecchio borgo.
  • Chiesa di Santa Maria in Blesiano, risalente al XIV secolo, restaurata totalmente in pietra.
  • E ancora: Chiesa Madonna delle Grazie, Chiesa di Santa Lucia, Chiesa di San Rocco.
  • Convento Santa Maria degl’Angeli eretto fra i resti di un antico tempio romano dedicato al dio Marte. Attualmente trasformato in Ostello.

Che fascino il centro antico

Nell’antico centro abitato ti attende una emozionante escursione. A catturarti sarà il fascino delle case arroccate a diversi livelli alle pendici dello sperone roccioso. Fra i suggestivi vicoli potrai godere gli echi della Storia che fu.

Non mancare poi di raggiungere la sommità. Qui s’ergono gli imponenti ruderi del castello medievale. Nel punto più alto… aggrappati al cielo, aziona il tuo iPhone.

E nel mettere a fuoco attiva anche lo speciale pattern de’ sensi. Mentre scatti dipingi lo sconfinato scenario con i colori della tua anima. Manco a dirlo, hai di fronte a te uno degli sconfinati spettacoli dell’Italia delle meraviglie!

Nel ridiscendere, resetta il motore delle emozioni. Poi, soffermati dinanzi al locale-bottega dove il futuro San Sulprizio si consumava nella fatica. Là dove, in tenera età, per volere del dispotico zio, lavorava come aiutante fabbro.

Due gli elementi che ricordano il luogo delle indicibili torture morali e fisiche patite dal piccolo Nunzio (aveva allora solo 10-12 anni). Una targa e una moderna scultura in ferro battuto che ne ritrae la figura.

A proposito di San Sulprizio, è d’obbligo…

LA VISITAZIONE L’ardore del credente, non meno del germe della curiosità, ti proietterà nel Santuario dedicato a San Sulprizio. Sullo sfondo della roccia di Riparossa, della fonte miracolosa, sono custodite alcune reliquie del Protettore degli invalidi e vittime del lavoro. L’atmosfera che ti attende, di profonda spiritualità, ti lascerà senza fiato!


Abruzzo turismo - Pescosansonesco - Statua San Sulprizio
La Statua di San Sulprizio all’interno del Santuario


A spasso fra boschi, buchi del diavolo, fontane, cascate e “punto di gravità”. Con tanto di emozioni…bestiali nella traversata sul monte La Queglia.

Siti di particolare suggestione, capaci di soddisfare pienamente la tua incessante ricerca di emozioni… abbondano. Fra gli itinerari turistici Abruzzo, come nel resto d’Italia.

Mete imperdibili del territorio pescolano

Eccone alcune delle mete più rappresentative:

  • Il Buco del Diavolo, sul Monte Queglia, una vasta area disseminata di pozzi autentica croce e delizia di speleologi, naturalisti, predatori di sensazioni…profondissime.
  • La Fontana Romana situata in contrada “Villa delle Grazie”. Spettacolare nella sua composita struttura. 
  • I resti del Santuario italico – romano, sul Monte Picca, sede del celebre giuramento del 91 a.C. e dove ancora risuonano gl’echi della prima volta di ITALIA!
  • Le sue frazioni: Colle della Guardia, Decontra, Dogli.

Questi ed altri seducenti luoghi – Cascate San Nicola, Acqua San Nicola, Acqua Zolf, Area pic nic Monte Queglia, saranno teatro delle tue brame esperienziali. Viva il turismo slow

Insomma, ti aspettano escursioni e/o camminate a gogò in questo fantastico luogo dell’Abruzzo vacanze. Fra le sue caratteristiche: una ricca biodiversità e lo stimolante andamento altimetrico.


La traversata del Monte La Queglia nel Parco Nazionale Gran Sasso!

Ciliegina sulla torta. Per i più animati da spirito d’avventura: la traversata (guidata) sul Monte La Queglia da Pescosansonesco a Corvara.

Camminando sul crinale della montagna uno scenario fantastico si presenterà ai tuoi occhi, per la gioia dei sensi:

*La catena incantata del Gran Sasso.

*La lussureggiante vallata del fiume Pescara.

*Le mitiche cime della Majella.

*la spettacolare vista sui due borghi.

Non esitare a chiedere info aggiuntive, a ricercare approfondimenti sui portali dedicati, e magari a pre-iscriverti.

La distanza da percorrere (circa 6 km.); il dislivello (ca.560 metri in salita, ca.530 in discesa); la variegata fauna dell’area (cervi, lupi, caprioli, volpi, cinghiali, animali al pascolo)… intrigano non poco, vero!? 😉

I capi di abbigliamento, ove tu ne sia sprovvisto, potrai facilmente reperirli. Specie sul Web, con garanzia di ottima qualità e a condizioni molto vantaggiose.



Nei posti da vedere in Abruzzo non può mancare il “punto di gravità” a Pescosansonesco 😉

Da ultimo, ma non per ultimo, ti attende al varco il “punto di gravità” 😉  quel particolare tratto viario situato a poca distanza dall’ingresso in paese.

Quì la strada che appare in discesa gioca un effetto strano, appunto gravitazionale. Rimanendo in macchina ferma nel punto preciso, ci si accorge che il veicolo non procede nella direzione dovuta, in discesa. Ma, si dirige nel senso opposto, in salita!

Abruzzo turismo - Pescosansonesco - Punto di gravità
IL “PUNTO DI GRAVITA'”

LA VERIFICAScommettiamo? Appena giunto a Pescosansonesco una delle tue primissime azioni sarà proprio la prova su strada al suddetto “punto di gravità”!? In proposito girano sul Web versioni piuttosto contrastanti circa la reale dinamica del fenomeno. Un motivo in più per sperimentare e…commentare! Ci conto, grazie 😉



Sagre, feste, eventi a Pescosansonesco: tra sacro e profano il festival del multisensoriale.

Lo spirito d’iniziativa, la capacità organizzativa, la dedizione all’impegno della piccola comunità pescolana sono rimarchevoli.

Lo dimostra la realizzazione delle Feste della tradizione, degli Eventi socio-culturali e ludico-popolari. 

Ecco i più importanti:

  • 24 giugno – Festeggiamenti in onore del Santo Patrono San Giovanni Battista;
  • Gennaio – Rappresentazione della Vita di Sant’Antonio Abate in musica e costumi tradizionali;
  • Aprile (periodo Feste Pasquali) – “Petra inFesta”. Manifestazioni popolari con diversi momenti di convivialità. Mercato dei prodotti del parco, giochi di una volta, corsi e laboratori, musica, arte, scambio di libri, racconti teatrali e proiezioni di film.
  • 4 e 5 maggio –  Festeggiamenti in onore di San Nunzio Sulprizio
  • Maggio – Raduno Annuale ANMIL (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi del Lavoro) presso il Santuario del Santo
  • 13 e 14 agosto – Sagra dei Sapori Pescolani
  • 15 agosto – Festa della Madonna dell’Assunta;
  • 15 agosto – Concorso di Pittura Estemporanea.

In seguito alla recentissima canonizzazione acquisteranno sempre più fama, seguito e prestigio le Celebrazioni in onore di San Nunzio Sulprizio.

Petra in Festa, quante emozioni!

La Rassegna “Petra in Festa”, di norma  si tiene durante il periodo pasquale. E’ l’occasione in cui i pescolani celebrano anche i giochi popolari di un tempo.

Il momento ad hoc per dare valore alla ricchezza della tradizione ludica abruzzese. Uno degli antichi passatempi più gettonati, come per tante sagre in Abruzzo, è il cosiddetto “Santill”.

Citato in un antico scritto del 1883, il “Santill” deve il suo nome al manufatto adoperato per giocare: un pezzo di mattone. Questo viene posto in posizione verticale con sopra delle monete.

Ciascun giocatore deve cercare di colpire il “Santill” con un pezzo di mattonella. Centrando il bersaglio si vincono le monete cadute più vicine al mattone.

Lottomatica lo individua come uno dei top giochi popolari in una ideale classifica fra le 20 Regioni d’italia.

LA PERFORMANCE La ricorrenza di Sant’Antonio Abate, 17 gennaio, è l’occasione giusta per gettarti nella mischia. Nel corso della spettacolare rappresentazione potrai sperimentare i canti, i suoni, le danze della tradizione. Nel periodo Pasquale, invece, a “Petra in Festa”,  se… sei in possesso di buone capacità balistiche, potrai cimentarti con ottime chances, nel gioco del “Santill”!  😉



Abruzzo turismo – Clima ed economia nel Pescolano: un connubio super vincente

Pescosansonesco situa nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.  Il primo Parco concepito nell’ambito dell’intero Pianeta.

Il clima estremamente favorevole, l’ambiente preservato, il magnifico paesaggio dominano! E garantiscono una vivibilità straordinariamente sana, godibile, serena. Fra i motivi che fanno di Pescosansonesco uno dei luoghi da visitare in Abruzzo. E in Italia.

Il livello delle attività agro-silvo-pastorali è di tutto rispetto. I boschi e i pascoli sono ricchi di allevamenti bovini, ovini e suini. Assai sviluppata è la coltivazione dei cereali e della patata.

Numerose sono le aziende agricole: caseifici, apicoltori, oleifici. Molto estesa è la coltivazione degli ulivi e della vite. Una costante negli itinerari Abruzzo.

Basti pensare che nel territorio pescolano ha luogo la produzione di un vino di assoluta eccellenza: il Montepulciano d’Abruzzo DOC Pasetti. 

L’ASSAGGIO – Ti raccomando qualcosa di ineludibile: una puntatina alle Cantine Pasetti. Magari ci scappa l’assaggio alla fonte del nettare di Bacco Testarossa Pasetti DOC. E perché no, pure la conoscenza diretta dell’affascinante storia imprenditoriale della famiglia Pasetti.



Personaggi: la straordinaria Storia di S.Sulprizio, Protettore di invalidi e vittime del lavoro

Abruzzo turismo - Pescosansonesco - San Nunzio Sulprizio
San Nunzio Sulprizio

Il futuro santo, orfano troppo presto, è vessato dallo zio.

Il 13 aprile 1817, Domenica “in albis”,  è un giorno importante per Pescosansonesco: nasce Nunzio Sulprizio. Il futuro santo troppo presto rimane orfano di entrambi i genitori. Ha soltanto nove anni quando perde anche la nonna materna.

A prendersi cura di lui è uno zio, uomo rude e senza scrupoli, che non perde tempo a impiegarlo nella propria officina di fabbro ferraio. Il lavoro sin troppo duro per la sua età ne mina il già gracile fisico.

La malattia e la dipartita

Nel 1931, appena quattordicenne, il futuro Beato Nunzio Sulprizio viene colpito da una grave malattia alle ossa. Ricoverato nell’Ospedale di Napoli conosce il Colonnello Felice Wochinger.

Il militare si prende cura amorevolmente di lui. Fino ad accoglierlo come un figlio al Maschio Angioino, all’epoca adibito a caserma.

Qui il giovane affronta stoicamente la malattia: un tumore osseo. Con esso il dolore, la sofferenza, fino alla morte sopraggiunta il 5 maggio 1836, a soli 19 anni.

La beatificazione a opera di Paolo VI

Il martire pescolano venne beatificato da Paolo VI il 1° dicembre 1963. Ma già agli inizi del Novecento l’avvincente, drammatico itinerario terreno del Santo è stato mirabilmente narrato in vernacolo.

Autore dell’opera un altro grande personaggio pescolano, il poeta dialettale Alfredo Luciani. Nato a Pesco il 5 novembre 1887, deceduto a Pescara il 13 giugno 1969. Fra i suoi lavori spicca anche l’antologia “Poeti dialettali del Novecento”, curata da Pier Paolo Pasolini.

La canonizzazione lo scorso 14 ottobre

Abruzzo Turismo - Pescosansonesco - Canonizzazione di San Sulprizio
14 ottobre 2018 – Piazza San Pietro – Nunzio Sulprizio è Santo!

Innumerevoli sono le guarigioni attribuite a San Sulprizio. L’ultimo miracolo riconosciuto in ordine di tempo riguarda un giovane di Taranto. In pericolo di vita a seguito di incidente stradale.

Dall’iniziale coma questi passa a uno stato vegetativo….quando all’improvviso l’intercessione del Beato Nunzio, riconosciuto in sogno,  lo guarisce.

L’evento soprannaturale s’è rivelato decisivo per la canonizzazione da parte di Papa Francesco, avvenuta Domenica 14 ottobre 2018.

Lo speciale Miracolo per il paese natio

C’è poi un prodigio del tutto speciale, capace di segnare la Storia di Pesco. Diciamolo, uno fra i più prestigiosi dei borghi in Abruzzo.

Ne parla Rossella Tirimacco sul Blog “Abruzzo Forte e Gentile”. In relazione alla sicura tenuta demografica del Borgo rispetto ad altre località:

””Pescosansonesco riuscì invece a sopravvivere grazie ad un “miracolo”, un miracolo così potente ricevuto direttamente dalla figura del giovane Nunzio Sulprizio…che trasformò il borgo in un luogo di culto religioso e meta di numerosi pellegrinaggi.”””

Ed è la vivida realtà. Grazie anche alla formidabile attitudine all’impegno concreto e costruttivo della  comunità pescolana. Capace di interpretare al meglio le intercessioni del Santo, edificandole.

Ne sono luminoso esempio la ricostruzione immediata del Borgo all’indomani della frana del 1934. In ugual modo:  la realizzazione del Santuario San Sulprizio, la valorizzazione delle risorse,  le brillanti iniziative imprenditoriali.

L’APPROFONDIMENTO – La straordinaria figura di San Sulprizio affascina anche te, vero!? Per saperne di più  sulla sua vita, sulle sue opere puoi cominciare dal Web, sempre molto prodigo. Ti fornisco qui un degno assist.  



Abruzzo turismo – Mangiare e dormire a Pescosansonesco: brindiamo all’eccellenza

Abruzzo turismo - Pescosansonesco - Cucina tipica abruzzese
Cucina tipica abruzzese

Cucina tipica e ospitalità mitica: che connubio!

L’accoglienza e l’ospitalità dei borghi abruzzo  sono proverbiali. La comunità pescolana lo conferma in pieno. Eppoi tutto si coniuga alla perfezione con la magica atmosfera di Pescosansonesco. Ribadisco: uno dei borghi abruzzo da visitare a ogni costo.

C’è davvero solo l’imbarazzo della scelta.  Tra il fascino contadino dell’ agriturismo e il classico comfort dell’albergo. Fra la magia primordiale del rifugio e le candide seduzioni dell’ostello.




Booking.com


I piatti abruzzesi

La cucina verte su piatti d’eccezione preparati secondo le ricette abruzzesi d’un tempo.  Con prodotti locali di elevata qualità, tipicamente genuini. Emerge una invidiabile costante nelle strutture di ristorazione pescolane, ossia:

  • Cucina sana e genuina.
  • Prezzi accessibili con rapporto qualità-prezzo ottima.
  • Gestione familiare, cortesia e simpatia del personale. Tipico della  consolidata capacità di accoglienza e buona tavola.
  • Rusticità degli ambienti.
  • Genuinità degli ingredienti, pasta fatta incasa (pasta abruzzese),  vino biologico, liquore della casa.
  • Piatti della tradizione, come ad esempio: carne di cinghiale alla cacciatora. Accompagnata da patate cotte “sotto al coppo” e arrosticini di pecora.
  • Vini DOC Montepulciano d’ Abruzzo – Cantine Pasetti di Pescosansonesco.

Nell’Abruzzo turismo, tra i vessilliferi dell’eccellenza gastronomica un posto di assoluto rilievo spetta al Ristorante tipico a conduzione familiare “da Franco e Amalia”, ubicato in via Cavour, a Pescosansonesco Nuovo.

Ecco un gustoso “assaggio” in anteprima di un piatto estremamente allettante della cucina della tradizione: gli arrosticini di pecora, prodotti e disponibili in qualunque periodo dell’anno.

Abruzzo turismo - Pescosansonesco - Cucina della Tradizione
Arrosticini di pecora
Abruzzo turismo - Pescosansonesco - Ricetta
La Ricetta

Viva il turismo esperienziale!

Se osi chiedere quale sia il segreto di un sapore davvero unico…non osare. Per avere la risposta più esaustiva sarà bastevole stupirti.

Sì, proprio stupirti. Nell’osservare, magari cimentandoti, la semplicità della preparazione. E nel constatare la straordinaria qualità della materia prima impiegata.

Ti sarà di sicuro giovamento per quando sarai a casa e…prepotente irromperà il desiderio di gustare ancora i piatti tipici abruzzesi.

Le ricette svelate per il dopo vacanza

A riguardo chiedi sempre allo chef tutte le ricette. Ti servirà al momento di dar vita alla più gustosa ed eccitante delle sperimentazioni. Mi riferisco al Cibo dei Ricordi  o Sindrome di Proust che dir si voglia. Ne parlo alla Pagina SORPRESA DUE.

IL BRINDISIAl desco conviviale, specie in caso di tete a tete, non far mancare mai  un tocco di classe e di romantico appeal: un brindisi in versi! Se non ti riesce di confezionare una seducente lirica…niente paura. Ti viene in soccorso nientepopodimeno che il… Vate, Gabriele D’Annunzio, abruzzese DOC!  Ecco l’incipit di un suo fatale carme dedicato al connubio fra vino e amore…

Abruzzo turismo -. Pescosansonesco - Il Carme
Il Carme del Vate, Gabriele D’Annunzio


Abruzzo turismo. Come arrivare a Pesco? Nulla di più semplice. Anche senza … navigatore 

Dì la verità, sei quasi tentato di fiondarti ventre a terra fra le straordinarie seduzioni di uno dei tanti paesi da visitare in Abruzzo! Arrivarci è…nulla di più semplice.

Ecco come:

-AEREO – Aeroporto di Pescara (Aeroporto Internazionale d’Abruzzo) Via Tiburtina, Km. 229,100 – Tel.+39 085 4324201

-TRENO – Stazione FFSS di Pescara –  Stazione FFSS di Torre dei Passeri (PE)

-AUTOBUS – Servizio delle Autolinee Regionali ARPA

-AUTO – Casello Autostradale di Torre dei Passeri sull’A25 Roma- Pescara. Strada Provinciale 53 di Torre dei Passeri

A tua disposizione…l’Informatore Globale!

Per approfondire e conoscere all’istante qualunque utile dettaglio sui nostri luoghi da sogno, fai come me. Rivolgiti pure tranquillamente all’Informatore Globale gratuito leader del mercato

Potrai attingervi ogni sorta di info, dai percorsi alla distanza, dai tempi ai luoghi, agli Enti, alle Forze dell’Ordine.

Senza escludere i servizi più svariati: meteo, trasporti, taxi, ospedali, farmacie, banche, poste, carburanti, supermercati, centri benessere, alberghi, ristoranti, cinema, teatro, etc.

Sfondo un portone già spalancato!? Ne sei già perfettamente al corrente, e  a riguardo sai benissimo come barcamenarti? Magari, conosci già abbastanza dei posti da vedere in Abruzzo?

Tanto meglio. Ma se così non fosse consentimi una indicazione, in aggiunta. Riguarda la soluzione ad hoc  a tua disposizione gratuitamente h.24 su “Come Funziona l’Informatore Globale“. Oltre che su “Come usare l’Informatore Globale navigatore”

Una raccomandazione! 😉 

E, dulcis in fundo, una chicca targata turismo slow:

IL SOUL ACCESSORY –  Non mancare di portare con te quello che mi piace considerare un inseparabile compagno di viaggio: IL Soul Accessory! Ovvero, il poster “illuminato”, il “balsamo” universale, il totem dell’anima  .Come dici? Non sai di cosa si tratti!? Niente paura, puoi rimediare seduta stante dando un occhio alla Pagina dedicata: SORPRESA UNO



Fra le eccelse curiosità un’autentica bomba: a tempo di metal…con The Black!

Mario Di Donato…The Black

Ancora altri fattori di sicuro interesse e/o curiosità caratterizzano Pesco! Davvero uno dei luoghi simbolo, oltre che fra i posti belli in Abruzzo. Te ne riporto uno, forse il più elettrizzante. Riguarda un (grande) artista “sui generis”.

A Pescosansonesco il 1° aprile 1951  è nato Mario Di Donato, in arte The Black. Artista a tutto tondo, considerato uno de musicisti storici e pionieri del Metalmade in Italy

Con il suo inconfondibile stile di eccellente chitarrista, ha dato vita a un’ampia produzione musicale. Fondamentale nella storia del Metal nel Bel paese. Notevole il successo riscosso anche all’estero.

Ma The Black oltre ad essere un eccelso compositore è pittore di fama internazionale. Con oltre 700 mostre all’attivo le sue opere sono conosciute e apprezzate ovunque nel mondo.

Coniugando pittura e musica ha saputo creare un’originalissima forma d’arte da egli stesso definita “Ars Et Metal Mentis”. Ossia “Arte Fantastica dell’Anima e Metallo dell’Anima”.

Una commistione del tutto inusuale nel panorama artistico-musicale in Italia, e non solo. Un ardito intreccio di folklore di matrice pagana e senso mistico religioso. L’ispirazione? Manco a dirlo: la Storia, le tradizioni abruzzesi e d’Italia.

Non a caso la lingua adoperata dal talentuoso pescolano per scrivere i suoi testi è il… Latino! Ergo, “Longa Vita” al poliedrico “Lupo d’Abruzzo”, alle sue straordinarie opere.

LA VOGLIA – Essì, ammettiamolo:  traspare più di qualche elemento di fortissima curiosità, di particolare interesse. E, quel che preme è approfondire  la conoscenza artistico-musicale live di Mario Di Donato “The Black”. Non so tu, ma io proverò tosto a informarmi sulle sue prossime esibizioni/mostre. 😉



Abruzzo turismo – Pescosansonesco: la magia dei Borghi limitrofi fra pregevoli  edifici di culto, fiumi “immacolati” e storici guerrieri

Curioso di conoscere quali siano i paesi limitrofi di Pescosansonesco? E magari di scoprire qualcosa di  importante che possa riguardarli, tanto da farci un primo scintillante approccio?

Sì!  Ti accontento subito.  Sono cinque…fra i borghi più belli abruzzo. Eccoli:

  • Castiglione a Casauria (PE), orgoglioso custode di una ricchezza architettonica religiosa di gran pregio. Uno dei grandi capolavori del romanico d’Abruzzo: l’Abbazia di San Clemente.
  • Corvara (PE),  il cui fiore all’occhiello è il restauro e la rivalutazione artistica del Vecchio Borgo. In abbandono a seguito dell’ evento franoso-tellurico del 1933-3.;
  • Pietranico (PE), dove sorge  una particolare struttura: l’Oratorio di Santa Maria della Croce. Costruito nel XVII° secolo, è uno dei rari casi di arte affrescata barocca nella provincia di Pescara.
  • Bussi sul Tirino (PE), la cui affascinante storia è legata al fiume Tirino. Famoso a livello nazionale come il “fiume più limpido d’Italia”;
  • Capestrano (AQ), luogo natio di uno dei pilastri del pensiero e dell’azione del ‘400: San Giovanni da Capestrano. Quì, nella necropoli venne rinvenuta la celebre statua di arte italica detta il “Guerriero di Capestrano”.
Cartina

LA SCELTA L’impressione è che siano tutti variamente molto, ma molto interessanti, vero? Ma dimmi…dove  – e perché – cominceresti il tuo tour !?



Riepilogando: Pescosansonesco è una fabbrica di emozioni positive. Da vivere e far vivere!

Con un simile patrimonio Pescosansonesco rientra a buon diritto fra i top giacimenti di emozioni positive nell’Italia Mai Vista…Tour. 

Già, le emozioni positive. Ricordi? Ne ho parlato più volte. A cominciare dalla Pagina Speciale Vision. Esse rappresentano l’alimento fondamentale della nostra quotidianità.

Le emozioni positive. Ovvero lo spirito e il fisico in festa!

A dichiararlo è Deepak Chopra, conosciuto in tutto il mondo per le sue rivoluzionarie teorie riguardo al concetto Salute.

L’illustre medico indiano ne ha selezionate dieci in tutto: Amore, Gioia, Gratitudine, Serenità, Interesse, Orgoglio, Divertimento, Speranza, Ispirazione, Stupore.

Hai avuto modo di cogliere già i primi segnali: tutte e ciascuna sono variamente correlate anche a Pescosansonesco. Alla sua storia, alle risorse, ai personaggi, al territorio.

Appena avrai modo di fiondarti fra i lidi pescolani salirà alla ribalta il (tuo) festival de’ sensi. E verrai letteralmente inondato da probanti conferme.

E le emozioni positive “ingabbieranno” i tuoi neuroni fino a condizionarli in modo estremamente attivo.

Parola d’ordine: divulgare 😉

Insomma, con le vacanze in Abruzzo, a Pescosansonesco,  c’è un fuoco di fila di eventi, risorse, valori, benefici da conoscere. E far propri, tatuare nell’anima. Senza dubbi di sorta e al più presto, vero?

In pari tempo, da far conoscere all’italia, al Mondo intero. Ergo, non solo a chi pone la fatidica domanda: cosa vedere in Abruzzo?

Abruzzo turismo - Pescosansonesco - Panorama
Pescosansonesco

In che modo? Molto semplice:  attraverso una tambureggiante divulgazione. Lo ricorda la pagina Speciale Vision – Emozioni Positive –  al paragrafo “Contaminare attraverso il racconto” : 

“””L’imperativo dev’essere: divulgare! Divulgare il Blog, le Pagine, i Post, i Luoghi. Portare a conoscenza della moltitudine i contenuti in video, immagini, racconti, consigli, notizie, canzoni, aneddoti, aforismi, giochi popolari, proverbi, modi di dire.”””

LA CONDIVISIONE – A te, dunque, l’entusiasmante compito di muovere il tecnologico passaparola all’indirizzo dei cacciatori di Emozioni Positive nel Bel paese. I social, sempre sensibili ai contenuti genuini e stimolanti, non aspettano altro. Quel che potrai rendere alla comunità nazionale e mondiale “rischia” di essere un servigio di grande valore, al pari delle gratificazioni morali a te riservate, quale logico contraccambio. 🙂

Abruzzo turismo: la scelta giusta si chiama Pescosansonesco. Ed è targata Italia Mai Vista…Tour.

Siamo alle battute finali. C’è da inoltrare un messaggio alla Comunità, alle Istituzioni di Pescosansonesco. Un messaggio idealmente estensibile anche a te, paziente e lungimirante nel seguirmi fino in fondo…complimenti!  

Eccolo, vergato su un pizzino con le stesse caratteristiche cromatiche del Blog…I colori d’Italia e dell’anima:

Abruzzo turismo - Pescosansonesco - Messaggio

Okey, null’altro ti svelo, cosicchè tu sia oltremodo pervaso dal sacro fuoco del desiderio… di conoscere, sapere, sperimentare. E di attingere direttamente alle magiche sorgenti di Pescosansonesco. Oggi, per l’occasione, capitale del turismo esperienziale.

Il tuo vis di cacciatore di italiche emozioni, il tuo pedigree di collezionista di mete d’eccellenza fra i tesori del Paese più bello del Pianeta mordono il freno, nevvéro?

E allora forza, fai la scelta giusta. Vivi un sogno! Prenota oggi stesso la tua vacanza nella lussureggiante terra degli Abruzzi





Booking.com

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Roberto ha detto:

    È straordinario scoprire queste meraviglie in Italia..cosi da poter programmare anche viaggi esclusivi e originali!

    • Michele Tolla ha detto:

      Ciao Roberto 🙂 Fantastico! il Paese più bello del Mondo merita la massima considerazione! Proprio a cominciare da noi Italiani. Ergo…buon viaggio, strepitose vacanze nell’Italia Mai Vista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *